La parola che non ti aspetti

In quanti modi si può ricordare? In italiano tre

Infatti poiché la natura tutta è congenere e l’anima ha appreso tutto quanto, nulla impedisce che, ricordando una sola cosa – e questo gli uomini chiamano appunto apprendimento – uno trovi da sé stesso anche tutto il resto, se è coraggioso e non si stanca di cercare: cercare e apprendere infatti sono in generale reminiscenza.… continua a leggere

Istruzioni per l'uso

Suggerimenti di scrittura delle doppie

Ho sempre problemi con le doppie. Come posso fare? I suoi sono problemi più che legittimi, vista l’impossibilità a ricondurre la grafia delle doppie (o geminate) a una serie di regole semplici e sempre valide. Questo è stato a lungo un punto debole della norma dell’italiano scritto e ancora oggi molti parlanti sono incerti su… continua a leggere

La parola che non ti aspetti

Tendiamo l’animo verso un nuovo verbo

Il verbo tendere ci offre l'occasione di riflettere sull'origine delle parole, verbi, aggettivi, nomi, che designano o hanno a che fare con oggetti astratti. Sono sempre parole che in origine si riferivano, e spesso ancora si riferiscono, a cose concrete. Tendere, infatti, dal latino TENDO, ha prima di tutto il significato di 'raddrizzare, allungare' riferito… continua a leggere

La parola che non ti aspetti

Tanti (buoni) presagi da DICO

La parola augurio è oggi associata ad ogni celebrazione, comprese le feste religiose, ma, per la verità, è legata a pratiche pagane molto antiche. L’augurium, in latino, era l’osservazione dei segni da parte degli àuguri, i professionisti della divinazione. Era, quindi, il presagio, la predizione. I romani si affidavano soprattutto all’osservazione degli uccelli per questo… continua a leggere

La parola che non ti aspetti

Leggere, parlare, raccogliere: essere intelligente

È proprio vero: intelligenti pauca, ‘l’intelligente ha bisogno di poco’. Qui non c’entrano la morale o la filosofia: il detto non significa che chi ha cervello si accontenta di ciò che ha; c’entra l’idea alla base della parola intelligenza. Questa parola deriva dal latino intellegentia (o intelligentia), che a sua volta viene dal verbo intellĕgo… continua a leggere